AGGIORNATO IL 28 Gennaio 08:48:04
VISITE: 2344922
Dimensioni del testo:NORMALE|GRANDE|MOLTO GRANDE
Modalità:NORMALE|ALTO CONTRASTO
  • ciakad.com
  • Vimeo
  • Twitter
  • Facebook
  • Youtube
  • Youtube
  • Pinterest
  • RSS
10 Aprile 2013
invia questo articolo stampa questo articolo salva questo articolo in formato PDF

Un omaggio al grande illusionista ungherese in una commedia scritta a quattro mani da Claudio Fois e Alessandro Mancini.

A Roma uno spettacolo sulla trasformazione: “Come Houdini”, dal 16 al 28 aprile al Teatro Sette

Firmato da Claudio Fois (autore tra gli altri di Alez e Franz, Crozza, Mago Forest”, Serena Dandini) e da Alessandro Mancini, che interpreta il Mago Mancini, questa nuova performance teatrale vede sul palco anche Annalisa Agliotti per la regia di Marco Simeoli.

 

Ce ne ha parlato proprio Annalisa Aglioti, Moglie Modello di Colorado, a Roma alla conferenza stampa del VVFilm Festival 2013, vedi la sua video-intervista con i consigli per i giovani che vogliono intraprendere la carriera nel mondo dello spettacolo.

 

Si tratta della storia di un mago che, come l’illusionista Harry Houdini, realizza il famoso numero della Pagoda Cinese. È diffusa la voce, peraltro descritta anche in film “biografici” del famoso illusionista, che egli morì durante l’esperimento della Pagoda Cinese, una grande vasca verticale piena d’acqua, in cui immobilizzato con catene alle mani e ai piedi, veniva calato a testa in giù e ulteriormente chiuso con lucchetti. In realtà “Houdini morì di peritonite, in seguito alla rottura dell'appendice dopo un colpo ricevuto, nella notte di Halloween il 31 ottobre 1926 all'età di cinquantadue anni.” (Fonti wikipedia e sito ufficiale ndr).

 

Rimane comunque una storia suggestiva, e in questo spettacolo l'omaggio di una sceneggiata per il teatro; con una facile metafora, “il protagonista dello spettacolo cercherà di liberarsi da soffocanti imprigionamenti anche se non si tratta solo di lucchetti e catene. L’obiettivo di Alessandro è più difficile da raggiungere. Dovrà liberarsi da una routine e da vecchi schemi mentali che sono diventati ormai troppo soffocanti, peggio di una camicia di forza”.


Gli ingredienti ci sono tutti: un prestigiatore, un talent-reality-game-show, una finanziaria, un agente di spettacolo e un’avvenente ragazza, in un racconto esilarante sulla trasformazione dell'esistenza attraverso una performance estrema. Vedi il trailer.


Anche la location scelta è particolare; Teatro Sette, diretto da Michele la Ginestra, è un teatro che annovera tra le sue iniziative progetti sociali. Un vero e proprio centro culturale nel quale prendono vita e forma molteplici iniziative artistiche e di solidarietà.



 
messaggio pubblicitario
Inserisci il tuo login e la tua password per postare il tuo articolo
Inserisci il tuo login e la tua password per accedere all'area download
Inserisci la tua email per ricevere la nostra newsletter