AGGIORNATO IL 21 Ottobre 09:10:03
VISITE: 2262186
Dimensioni del testo:NORMALE|GRANDE|MOLTO GRANDE
Modalità:NORMALE|ALTO CONTRASTO
  • ciakad.com
  • Vimeo
  • Twitter
  • Facebook
  • Youtube
  • Youtube
  • Pinterest
  • RSS
18 Dicembre 2013
invia questo articolo stampa questo articolo salva questo articolo in formato PDF
Autore: Redazione
Categoria: Comunicazione

Parte dal 2014 l’obbligo di aggiornamento e formazione professionale di 10 ore anno per i giornalisti iscritti all’ODG.

Al via la formazione continua e obbligatoria per i giornalisti

Approvato il Regolamento del Cnog per l’aggiornamento continuo per i professionisti della comunicazione, pubblicate anche le linee guida nel sito dell’ODG  nazionale.


In sintesi per i giornalisti iscritti all’Albo scatta l’obbligo di accumulare 60 crediti formativi professionali (FPC) per triennio di attività. Questo scatterà già a partire dal 1 gennaio del 2014 momento in cui “entrerà in vigore l'obbligo di aggiornamento continuo per tutti i giornalisti iscritti all'Albo introdotto dall'articolo 3, comma 5, della legge 148 del 2011 e dal successivo Regolamento (art. 7 comma 2 del Dpr 137/2012), la cosiddetta Formazione professionale continua” (fonte odg Veneto ndr). 


Necessario acquisire un minimo di 15 crediti all'anno, in genere per ogni ora di aggiornamento saranno riconosciuti 2 crediti formativi, previsti quindi una decina di ore di formazione l’anno. L'Ordine del Veneto offre percorsi gratuiti agli iscritti all'Albo regionale su tre macro aree: Deontologia e diritto dell'informazione; Nuove tecnologie; Seminari tematici (Cronaca, Cultura e Spettacoli, Economia, Politica, Ambiente e Territorio, Sport ecc. con iniziative che si svolgeranno anche in sedi decentrate nelle province per agevolare la massima frequenza e che gli iscritti potranno scegliere. Anche se “almeno 15 crediti nell'ambito del triennio formativo dovranno derivare da attività aventi come oggetto la deontologia”.


Potranno occuparsi delle attività formative gli Ordini regionali, "previa la predisposizione di piani didattici da sottoporre all'approvazione del Cnog (che si avvale a fini istruttori, del proprio Comitato tecnico scientifico -Cts) ed altri organismi di categoria o enti esterni (enti di formazione, Università), previa procedura di accreditamento all'Ordine nazionale". L'Ordine nazionale metterà a disposizione anche piattaforme per la formazione a distanza.

 
Commenti
  • io farei anche corsi o seminari extra ordine mi basterebbe sapere quali sono effettivamente riconosciuti...complimenti x articolo grazie!
    8 Gennaio 2014
    marianna
  • Gli aggiornamenti sono importanti complimenti per l'articolo Giò Treviso
    18 Dicembre 2013
    giò
messaggio pubblicitario
Inserisci il tuo login e la tua password per postare il tuo articolo
Inserisci il tuo login e la tua password per accedere all'area download
Inserisci la tua email per ricevere la nostra newsletter