AGGIORNATO IL 28 Gennaio 08:48:04
VISITE: 2388341
Dimensioni del testo:NORMALE|GRANDE|MOLTO GRANDE
Modalità:NORMALE|ALTO CONTRASTO
  • ciakad.com
  • Vimeo
  • Twitter
  • Facebook
  • Youtube
  • Youtube
  • Pinterest
  • RSS
14 Giugno 2014
invia questo articolo stampa questo articolo salva questo articolo in formato PDF
Autore: Redazione
Categoria: Cultura

Fondazione Benetton Studi Ricerche propone martedì 17 giugno alle ore 21, il secondo incontro pubblico, dei 4 in programma, sul concetto di viaggio per aprire differenti prospettive per capire, conoscere e confrontarsi.

Che cos’è una città? Oscillazioni tra confini e frontiere. Martedì a palazzo Bomben

Si cercherà di riflettere assieme a Davide Papotti (Università di Parma, geografo culturale) e Alberto Bobbio (giornalista), sulla "differenza fra il concetto di confine e quello di frontiera, che indica non più una linea definita di demarcazione, ma piuttosto una zona di transizione e di contatto fra due identità (politiche, sociali culturali) che si fronteggiano".


Scrivono gli organizzatori: "si proporranno anche una definizione del concetto di confine e una illustrazione sintetica delle caratteristiche e delle tipologie con le quali esso si incarna nella realtà geografica, sia per quanto riguarda le forme fisiche con le quali esso appare nel territorio, sia in relazione al dialogo che esso inevitabilmente instaura con le complesse opere di territorializzazione portate avanti dalle società. Un confine può essere infatti ricalcato sulle caratteristiche fisiche di un territorio, seguendo lo sviluppo di elementi concretamente identificabili come una catena montuosa od un fiume, oppure essere geometricamente ed astrattamente tracciato come una retta in base ad accordi politici presi a tavolino".


Tra i temi che verranno trattati anche "il ruolo culturale che i confini assumono e le modalità della loro rappresentazione nel discorso sociale condiviso, soprattutto nel mondo dei massmedia e del giornalismo" come un "confine viene rappresentato nel mondo dell’informazione e dell’educazione gioca infatti un ruolo importante nel determinare le modalità con cui noi lo concepiamo e pensiamo".

 

dopo questo incontro il secondo dei quattro in programma, prossimo appuntamento giovedì 3 luglio alle ore 21 con "Letture e racconti dal Grand Tour" con Luigi Marfè (Università di Torino, studioso di letteratura) sull’immagine dell’Italia nello sguardo degli scrittori stranieri, da Montaigne a Addison, da Goethe a Stendhal. Lo affiancherà Vitaliano Trevisan (scrittore), che leggerà alcuni brani dagli appunti di grandi viaggiatori. Ultimo incontro  giovedì 10 luglio, sempre alle ore 21.


Tutti gli incontri sono ad ingresso libero e si svolgono alle ore 21 nel giardino della Fondazione Benetton Studi Ricerche, via Cornarotta 7-9, Treviso, in caso di pioggia nell’auditorium.

 
Commenti
messaggio pubblicitario
Inserisci il tuo login e la tua password per postare il tuo articolo
Inserisci il tuo login e la tua password per accedere all'area download
Inserisci la tua email per ricevere la nostra newsletter