AGGIORNATO IL 27 Luglio 18:21:22
VISITE: 2726782
Dimensioni del testo:NORMALE|GRANDE|MOLTO GRANDE
Modalità:NORMALE|ALTO CONTRASTO
  • ciakad.com
  • Vimeo
  • Twitter
  • Facebook
  • Youtube
  • Youtube
  • Pinterest
  • RSS
30 Marzo 2013
invia questo articolo stampa questo articolo salva questo articolo in formato PDF
Categoria: Leali Sociali

OPINIONISTI - LEALI SOCIALI - EDITORIALE - Rispondere alla reazione: amore contro odio, bene contro male, il Santo Padre ieri sera, ha colto l'occasione della "via crucis" per ricordare l'amore di Dio.

Il Papa: "bene contro male"
Contro il male rispondere con il bene, questo il messaggio di Gesù ribadito dal Papa durante la cerimonia commemorativa della Sua morte. 

Senza fare ragionamenti prettamente cristiani o religiosi, l'essenza del bene potrebbe essere facilmente evocata nell'assunto "Non fare ad altri ciò che non vorresti fosse fatto a te" - peraltro detto proprio da Lui. Perché pare ovvio che tutti vorremmo essere amati, che nessuno vorrebbe essere umiliato o vivere senza i beni essenziali, che vorremmo essere rispettati e non picchiati, uccisi. Chissà se la giusta considerazione di queste semplici parole potrebbe portare pace senza alcuna discriminazione o guerra di fazione, forse così si avrebbe la capacità di vedere nell'altro, diverso da sé, la parte uguale a se stessi.

Pare ovvio, ma se ci pensiamo è facile cadere "in tentazione", rispondere al male con il male. Quello che manca, talvolta, è forse porprio un controllo della reazione, una capacità a non rispondere, a non voler avere l'ultima parola a tutti i costi; perché a volte lasciar perdere non significa perdere, ma saper non creare una re-azione, un "muro di gomma" impenetrabile. Avere la capacità di ascoltare senza pensare di essere depositari di verità.

Scriveva Isabel Alende, la nota scrittrice sudamericana, in Paula dove racconta il rapporto con la morte di sua figlia, che quando ti rovi davanti a qualcuno devi cercare di essere te stesso e ricordare, mettendoti nei panni dell'altro, che se tu hai paura nell'affrontare l'altro è probabile che anche l'altro - diverso da te - abbia paura, e che le sue reazioni siano appunto re-azioni, non azioni consapevoli. Un semplice sentire che va nella direzione dell'empaita e della comprensione. 

E chissà se le semplici parole "rispondere al male con il bene", saranno davvero capaci di entrare nei cuori e nelle menti di tutti noi, tanto più rilevanti quando si ha il potere di fare o decidere anche per altri.

 
messaggio pubblicitario
Inserisci il tuo login e la tua password per postare il tuo articolo
Inserisci il tuo login e la tua password per accedere all'area download
Inserisci la tua email per ricevere la nostra newsletter