AGGIORNATO IL 28 Gennaio 08:48:04
VISITE: 2384112
Dimensioni del testo:NORMALE|GRANDE|MOLTO GRANDE
Modalità:NORMALE|ALTO CONTRASTO
  • ciakad.com
  • Vimeo
  • Twitter
  • Facebook
  • Youtube
  • Youtube
  • Pinterest
  • RSS
11 Aprile 2014
invia questo articolo stampa questo articolo salva questo articolo in formato PDF

Parte da 20 ristoratori della Via dei Sapori la campagna italiana al salvataggio del pane fresco artigianale.

La campagna della "Via dei sapori" in FVG: Salviamo il pane!

Lanciato l'appello dalla "Via dei sapori" per tutelare il pane fresco artigianale. I panificatori della regione Fiuli Venenzia Giulia che ha legiferato sul pane artigianale rispondono anche così alla crisi del pane coinvolgendo "i fornai che si alzano la notte per permettere al loro pane di lievitare e i mugnai che producono farine naturali senza additivi". 


 

“Il pane deve essere salvato non solo per la sua storia, ma per star meglio noi stessi”  ci tengono a precisare attraverso il loro ufficio stampa, nella consapevole paura di perdere il pane fatto “come Iddio comanda” (una definizione che hanno voluto precisare che rimanda palesemente a citazioni ndr). 



Il mercato, scrivono, è ormai "invaso da pane surgelato, spesso prodotto fuori Italia e riscaldato al momento della vendita". Ristoratori e chef di venti ristoranti FVG, amanti della buona cucina e della qualità della materia prima (Al Bagatto di Trieste, Al Ferarùt di Rivignano, Al Gallo di Pordenone, Al Grop di Tavagnacco, Al Lido di Muggia, Al Paradiso di Paradiso, Al Ponte di Gradisca d’Isonzo, All’Androna di Grado, Campiello di S. Giovanni al Natisone, Carnia di Venzone, Costantini di Tarcento, Da Nando di Mortegliano, Da Toni di Gradiscutta, Devetak di San Michele del Carso, Là di Moret di Udine, La Primula di S. Quirino, La Subida di Cormòns, La Taverna di Colloredo di M. Albano, Sale e Pepe di Stregna, Vitello d’Oro di Udine) non ci stanno e si sono uniti in questo appello sulla qualità alimentare. 



"Pane fresco artigianale e digeribile, ottenuto secondo una regola immutata da millenni: farina di cereali, lievito naturale e acqua" questo in sintesi nella sua semplicità profumata e fragrante il pane che l’associazione Friuli Via dei Sapori proporrà nei piatti de “il saluto dalla cucina” nei rispettivi ristoranti, dove il pane sarà protagonista. 



Un progetto che gode del patrocinio della Camera di Commercio di Udine e  ha raccolto l’adesione dei fornai e dei mulini dell’Ascom di Udine e della Federconsumatori del Friuli Venezia Giulia. 


 

Foto a cura l'ufficio stampa Via dei sapori. 

Maggiori informazioni: Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori  

Tel 0432 538752 , info@friuliviadeisapori.it , www.friuliviadeisapori.it

 
Commenti
messaggio pubblicitario
Inserisci il tuo login e la tua password per postare il tuo articolo
Inserisci il tuo login e la tua password per accedere all'area download
Inserisci la tua email per ricevere la nostra newsletter