AGGIORNATO IL 27 Luglio 18:21:22
VISITE: 2487000
Dimensioni del testo:NORMALE|GRANDE|MOLTO GRANDE
Modalità:NORMALE|ALTO CONTRASTO
  • ciakad.com
  • Vimeo
  • Twitter
  • Facebook
  • Youtube
  • Youtube
  • Pinterest
  • RSS
5 Giugno 2014
invia questo articolo stampa questo articolo salva questo articolo in formato PDF
Autore: Redazione

La Grande Guerra raccontata dagli studenti italiani: parole, volti, storie di uomini e donne di allora rivivono negli elaborati audio e video prodotti da giovani di oggi.

La due giorni del Progetto e Concorso nazionale "Articolo 9 della Costituzione"

Testo e fonti a cura di Silvia Cacco 


A volte sono storie di eroi, ma molto più spesso di uomini e donne qualunque, di drammi, dolori, tragedie ma anche di coraggio, altruismo, speranza. Sono le storie della Grande Guerra raccontate dagli studenti italiani nell’ambito del Concorso e Progetto nazionale Articolo 9 della Costituzione. 


Nata per valorizzare il patrimonio culturale della memoria storica a cento anni dalla Prima guerra mondiale (vedi il sito del progetto www.articolo9dellacostituzione.it), l'iniziativa è rivolta alle scuole secondarie di secondo grado e alle classi terze delle scuole secondarie di primo grado. 


Organizzata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Direzione Ordinamenti Scolastici e Autonomia Scolastica), dalla Fondazione Benetton Studi Ricerche, dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (Direzione per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale - Centro per i Servizi Educativi del Museo e del Territorio) e da Rai Educational – con la collaborazione di Senato della Repubblica, Camera dei Deputati, Ministero degli Affari Esteri, «Domenica» del “Sole24Ore”, Rai Radio3, Istituto per la Storia del Risorgimento italiano e altri soggetti istituzionali pubblici e privati, l'iniziativa è volta a promuovere nelle giovani generazioni i principi della cittadinanza attiva e consapevole, con particolare riguardo alla tutela, alla valorizzazione e alla ricerca del patrimonio culturale della memoria storica.

 

Parole e volti di uomini e donne di allora, impressi in documenti e memorie, in lettere, cartoline, diari dal fronte, fotografie, video storici, testimonianze private e familiari, hanno ritrovato vita grazie al lavoro degli studenti coinvolti nel progetto, che hanno prima compiuto un approfondito percorso di studio e di ricerca e poi condensato gli esiti della loro elaborazione in brevi produzioni video o radiofoniche.


Il percorso di preparazione è stato sostenuto da diciotto lezioni settimanali in diverse città italiane e a Vienna, tenute da alcuni dei maggiori storici, esperti e rappresentanti delle istituzioni, e trasmesse in diretta streaming nel sito del Progetto. 


Le classi iscritte al progetto (circa 400, tra superiori e medie) hanno potuto visitare biblioteche e archivi pubblici e privati, utilizzare materiali di approfondimento e, soprattutto, andare alla scoperta di patrimoni storico-culturali spesso ancora sepolti, grazie all’aiuto degli insegnanti e di importanti rappresentanti del mondo culturale.


Un lavoro prezioso, che ha anche consentito di recuperare storie sconosciute o dimenticate – come quella dei numerosi bambini uccisi dalla malaria in un paesino calabrese a causa delle carenti condizioni igieniche e della penuria di prodotti alimentari – e che ha messo i ragazzi di fronte all’esigenza di riflettere sugli errori del passato e sull’importanza di indagare con uno sguardo nuovo i segni che la storia ha lasciato nel territorio e nella vita delle persone, per non dimenticare.

 

Il progetto, proposto nell’anno scolastico 2013-2014 in occasione del centenario della Prima guerra mondiale, ha ottenuto un successo sopra le aspettative, a cominciare dalla nutrita partecipazione che ha visto oltre novemila allievi iscritti, provenienti da quattrocento classi di circa trecento istituti scolastici di tutte le regioni italiane (con l’unica eccezione della Valle d’Aosta). 


Tra i circa novanta prodotti presentati (visibili nel sito internet del progetto www.articolo9dellacostituzione.it), la Giuria composta dagli allievi delle classi terze delle scuole secondarie di primo grado ha selezionato ventidue finalisti, dai quali una Giuria di esperti, formata da rappresentanti del mondo della cultura, del giornalismo e delle istituzioni, ha decretato i tre vincitori. 


La cerimonia sarà ripresa in diretta nella prestigiosa sede del Senato e trasmessa in streaming nel sito: www.articolo9dellacostituzione.it.  

 

Oggi, 5 giugno 2014 alle ore 15.00 a Roma, presso la sede della Biblioteca Nazionale Centrale, gli studenti delle classi finaliste incontreranno il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e i Presidenti delle Commissioni cultura di Senato della Repubblica e Camera dei Deputati ai quali presenteranno i loro lavori. La riflessione conclusiva sarà affidata al prof. Paolo Maddalena, presidente emerito della Corte Costituzionale.

 

Questa sera alle ore 20.30 gli studenti e i loro professori parteciperanno all’incontro Parole vive. Legalità: parliamone insieme; spettacoli e interventi sulla tema della cultura costituzionale e della legalità, organizzato dalla Scuola Superiore dell’Amministrazione dell’Interno presso l’Aula Magna della propria sede.


Domani venerdì 6 giugno la cerimonia di premiazione al Senato dei migliori lavori realizzati nell’ambito del Progetto.

 

I prodotti vincitori saranno trasmessi sul Canale Rai Scuola di Rai Educational e su Rai Radio3.

 

Le scuole e le classi presenti:

IISS "G. B. Novelli", 5C liceo pedagogico e 5B liceo linguistico – Marcianise; Liceo "G. Cotta", 4CSA – Legnago; Liceo scientifico "Guarasci", 3F – Soverato; Liceo scientifico "Belfiore", 3CA , 3CS e 4F- Mantova; Liceo classico "Romagnosi", 3 B e 3 G- Parma; IISS "Domenico De Ruggieri", 5 G liceo socio-psico-pedagogico – Massafra; IC Maria Ausiliatrice,        3 – Genova; Liceo scientifico "Galilei", 5 D – Catania; Liceo scientifico "E. Fermi", 2B, 4A e 5A - Minervino Murge;     Istituto tecnico economico "Cesari Battisti", 4E – Bolzano; ISIS "Giovanni Falcone", 2ARP – Gallarate; Liceo scientifico   "E. Fermi", 4B - Sant'Agata di Militello; Liceo "Carducci", 4A – Bolzano; Liceo Scientifico e classico statale "E. Majorana", 5 B classico – Desio; IISS "Fazzini-Mercantini", 2A e 4B liceo scienze umane – Grottammare; ITT "Marinoni", 5C - Udine

Liceo classico statale "Virgilio", 3A e 4A - Vico del Gargano; Liceo classico statale "E. Cairoli", 5F – Varese; Liceo classico "Renato Cartesio", 3B - Villaricca (NA); Turistico, IIS "Don Milani", 4 – Rovereto; IIS Via Beata Maria De Mattias,            4E SC/G – RomaM; IIS "Rinaldo D'Aquino", 4B – Montella; IIS Asiago, 3A e 4 B Turistico – Asiago; ITES Riccatti-Luzzatti, 2E – Treviso; Liceo Artistico, 4A – Marino.

 
Commenti
messaggio pubblicitario
Inserisci il tuo login e la tua password per postare il tuo articolo
Inserisci il tuo login e la tua password per accedere all'area download
Inserisci la tua email per ricevere la nostra newsletter