AGGIORNATO IL 27 Luglio 18:21:22
VISITE: 2715441
Dimensioni del testo:NORMALE|GRANDE|MOLTO GRANDE
Modalità:NORMALE|ALTO CONTRASTO
  • ciakad.com
  • Vimeo
  • Twitter
  • Facebook
  • Youtube
  • Youtube
  • Pinterest
  • RSS
20 Gennaio 2014
invia questo articolo stampa questo articolo salva questo articolo in formato PDF
Categoria: AttualitàStudi

Ricordato maggiormente per il ruolo istituzionale di controllo che esercita, in realtà è una figura professionale ad alta partecipazione al sistema penitenziario, specie in ambito minorile.

Poco conosciuto quello del Poliziotto Penitenziario è un lavoro in prima linea

Non è la prima volta che il nostro network affronta questo argomento di grande rilievo sociale. Quella di cui parliamo oggi è una figura professionale che negli anni ha cambiato nome (da secondino a guardia carceraria, fino ad Agente di custodia ed ora Polizia Penitenziaria ndr), e che ha sempre più acquisto negli anni un ruolo complesso nella gestione dell’equilibrio tra carcerazione, e rieducazione cui deve tendere la pena detentiva. Una professione che vede impegnate, ancorché sottorganico, oltre 60.000 persone sul territorio nazionale.


Oggi tra decreto carceri, problematiche europee inerenti la carcerazione in Italia , posizioni contrastanti in merito e necessario diritto-dovere alla rieducazione, ricordiamo questa figura professionale talvolta sottovalutata che si trova spesso in situazioni lavorativi di difficile gestione. Impegnato in turni per coprire le 24 ore sette giorni su sette, come per altri servizi di Pubblica Utilità, è un servizio pubblico indispensabile.

 

In ambito minorile riveste anche ruolo di riferimento istituzionale; per approfondire avevamo scritto un articolo nell’aprile scorso, ne riportiamo uno stralcio con alcuni dati e link utili alla comprensione della professione.


Tratto da L’esempio di Stato per i minori detenuti nella figura del poliziotto penitenziario del 3 aprile 2013.

 “L’esempio che può dare il poliziotto penitenziario, di Stato e di Figura Istituzionale di riferimento a questi ragazzi, in sinergia con l'operato degli altri operatori, è davvero notevole. Per ruolo e condizione, infatti rappresenta con la divisa - o quando senza anche solo con il proprio comportamento (la legge prevede che in alcune circostanze specifiche non sia necessaria la divisa ndr) - e nella possibilità di istituire un rapporto, un modello e un esempio morale; rappresenta una "faccia dello Stato" tra istituzione e devianza detenuta.

 

Secondo Donato Capece, segretario generale del Sappe, oggi che  - “abbiamo circa 500 minorenni detenuti negli Istituti di Pena per minori italiani, quella della detenzione minorile è una specificità della giustizia di cui si parla, a torto, sempre troppo poco. Eppure è sempre più frequente l’utilizzo dei minori coinvolti in attività criminose. Le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria, personale specializzato nel trattamento dei detenuti minorenni, fanno davvero un encomiabile lavoro con una utenza particolarmente difficile e con molte criticità. Si pensi che nel 2012 ci sono stati complessivamente 2.193 ingressi nei Centri di Prima Accoglienza (1.859 ragazzi e 334 ragazze); 1.252 sono stati gli ingressi nei carceri minorili ed oltre ventimila minorenni (18.200 uomini e 2.224 donne) sono in carico agli Uffici di servizio sociale per minorenni” (Fonte sappeinforma ndr).

 

Sono infatti circa 480 i minori attualmente detenuti, di cui 56 hanno commesso reati contro la persona (tra i quali 13 omicidi volontari), 280 reati contro il patrimonio (tra i quali 132 furti e 115 rapine), 56 per violazioni alle leggi sugli stupefacenti e 47 per violazioni alle legge sulle armi. (Fonte Sappeinforma ndr). Per tenersi aggiornati sulle normative minorili, si veda il sito della Giustizia Minorile. Per approfondire e comprendere appieno le varie sfaccettature del ruolo della Polizia Penitenziaria in ambito istituzionale si possono  approfondire anche le molte specializzazioni del corpo di Polizia Penitenziaria sul sito del Sinappe, ed anche sul sito dell’informazione della Polizia Penitenziaria”. 

 
Commenti
messaggio pubblicitario
Inserisci il tuo login e la tua password per postare il tuo articolo
Inserisci il tuo login e la tua password per accedere all'area download
Inserisci la tua email per ricevere la nostra newsletter